Sanremo 2019: il bilancio della terza serata
8 Febbraio 2019
Davide De Amicis (49 Articoli)
0 commenti
Condividi!

Sanremo 2019: il bilancio della terza serata

Sono stati 9 milioni 409mila, pari al 46.7% di share, gli spettatori che ieri sera hanno seguito la terza serata del Festival di Sanremo 2019. Gli ascolti hanno subito un calo rispetto alla terza serata del festival 2018, che aveva fatto segnare una media record di 10 milioni 825mila telespettatori con il 51.6%, lo share più alto dal 1999.

Ieri sera si sono esibiti 12 artisti: Simone Cristicchi, The Zen circus, Anna Tatangelo, Irama, Ultimo, Motta, Patty Pravo con Briga, Boomdabash, Francesco Renga, Enrico Nigiotti, Nino D’Angelo con Livio Cori e Mahmood.

I super ospiti hanno fatto registrare delle standing ovation da parte del pubblico del teatro Ariston:

Antonello Venditti (tornato a Sanremo dopo 19 anni), che ha celebrato i 40 anni dall’uscita dell’album “Nata sotto il segno dei pesci”. Lo stesso titolo del brano che ieri ha eseguito all’Ariston con la sua band, duettando poi con Claudio Baglioni in Notte prima degli esami.

Alessandra Amoroso, che ha celebrato a Sanremo i 10 anni di carriera, intonando il suo ultimo singolo “Dalla tua parte”, e poi insieme a Claudio Baglioni ha omaggiato la celebre canzone di Pino Donaggio “Io che non vivo”.

Ornella Vanoni (indossando lo stesso abito, anche se di colore diverso, dell’anno scorso in gara) che, ad 84 anni suonati, si è resa protagonista di un sketch esilarante con Virginia Raffaele con tanto di parolaccia, vendicandosi delle imitazioni dedicatele in passato dalla Raffaele. Quindi la frecciatina finale: “Questa volta sono venuta a gratis, ma non fateci l’abitudine”. Poi ha presentato Patty Pravo con Briga, salutandola di persona nonostante la gara. Poi, nel dietro le quinte, si sono baciate sulle labbra.

Raf e Umberto Tozzi. I due hanno cantato Il battito animale, Tu, Ti pretendo, Gloria, facendo alzare in piedi e ballare tutti il pubblico dell’Ariston. Poi, insieme a Bisio, Baglioni e Raffaele, hanno cantato Gente di mare.

Serena Rossi. La giovane attrice, che nel film per la tv “Io sono Mia” che andrà in onda martedì 12 febbraio su Rai1, ha omaggiato Mia Martini reinterpretando Almeno tu nell’universo, che la Martini portò a Sanremo 1989.

Fabio Rovazzi, che ha cantato “Andiamo a comandare”, inscenando uno sketch con il direttore d’orchestra che ha dato le dimissioni in segno di protesta “per aver toccato il punto più basso della carriera”. Allora l’artista ha cercato di reinventare e pronunciare in forma poetica i versi delle sue canzoni. Gran finale con l’esecuzione del suo ultimo brano “Faccio quello che voglio”, con dedica finale al papà scomparso nel 2010.

Fausto Leali. Un’incursione a sorpresa con cui ha fatto la parodia dell’irruzione di Cavallo pazzo al Festival di Sanremo del 1992, condotto da Pippo Baudo, quando all’inizio della trasmissione riuscì ad arrivare sul palco urlando “Il festival è truccato, lo vincerà Fausto Leali”.

Esilaranti gli sketch, con Virginia Raffaele che ha dapprima imitato un grammofono e ha poi omaggiato Sergio Endrigo insieme a Claudio Bisio, cantando “Ci vuole un fiore” in cui ha sbagliato volutamente la parola “fiore”, sostituendola con fiordo, fluoro e flipper.

Questa sera la quarta serata, con i 24 artisti che rivisiteranno il loro brano esibendosi in coppia con un altro artista:

Fabrizio Moro con Ultimo – I tuoi particolari

Ermal Meta con Simone Cristicchi – Abbi cura di me

Brunori Sas con The Zen Circus – L’amore è una dittatura

Manuel Agnelli con Daniele Silvestri – Argentovivo

Beppe Fiorello con Paola Turci – L’ultimo ostacolo

Neri Marcorè con Nek – Mi farò trovare pronto

Paolo Jannacci e Massimo Ottoni con Enrico Nigiotti – Nonno Hollywood

Rocco Hunt e i Musici Cantori di Milano con BoomDaBash – Per un milione

Gué Pequeno con Mahmood – Soldi

Irene Grandi con Loredana Bertè – Cosa ti aspetti da me

Syria con Anna Tatangelo – Le nostre anime di notte

Bungaro ed Eleonora Abbagnato con Francesco Renga – Aspetto che torni

Enrico Ruggeri e Roy Paci con Negrita – I ragazzi stanno bene

Nada con Motta – Dov’è l’Italia

Tony Hadley e le coreografie dei Kataklò con Arisa – Mi sento bene

Noemi con Irama – La ragazza con il cuore di latta

Giovanni Caccamo con Patty Pravo con Briga – Un po’ come la vita

Jack Savoretti con Ex-Otago – Solo una canzone

Morgan con Achille Lauro – Rolls Royce

Cristina D’Avena con Federica Carta e Shade – Senza farlo apposta

Sottotono con Nino D’Angelo e Livio Cori – Un’altra luce

Diodato e Calibro 35 con Ghemon – Rose viola

Biondo con Einar – Parole nuove

Il violinista Alessandro Quarta con Il Volo – Musica che resta

Arisa – mi sento bene;

Loredana Bertè – cosa ti aspetti da me

BoomDaBash – per un milione – è una delle migliori raggae band d’Italia. D’origine salentina;

Federica Carta e Shade – senza farlo apposta

Simone Cristicchi – abbi cura di me

Nino D’Angelo e Livio Cori – un’altra luce

Einar – parole nuove

Ex-Otago – solo una canzone

Ghemon (hip hop) – rose viola

 Il Volo – musica che resta

 Irama, la ragazza con il cuore di latta

 Achille Lauro – rolls royce

 Mahmood – soldi

Motta – dov’è l’Italia

Negrita – i ragazzi stanno bene

Nek – mi farò trovare pronto

Enrico Nigiotti – Nonno Hollywood

Patty Pravo con Briga – un po’ come la vita

Francesco Renga – aspetto che torni

 Daniele Silvestri – argentovivo

Anna Tatangelo – le nostre anime di notte

The Zen Circus – l’amore è una dittatura

Paola Turci – l’ultimo ostacolo

Ultimo – i tuoi particolari.

Questa sera la giuria demoscopica verrà sostituita dalla giuria d’onore – presieduta Mauro Pagani e composta da Ferzan Ozpetek, Camila Raznovic, Claudia Pandolfi, Elena Sofia Ricci, Beppe Severgnini, Serena Dandini e Joe Bastianich – che avrà un peso del 20%, unito al 50% del televoto e al 30% della sala stampa.

Foto: Teatro Ariston di Sanremo di germanopoli /123RF

Davide De Amicis

Davide De Amicis

Nato a Pescara il 9 novembre 1985 e laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Teramo, è giornalista professionista. Oltre ad essere direttore responsabile di JLIVE RADIO, è redattore del notiziario online dell'arcidiocesi di Pescara-Penne La Porzione.it e collabora con la redazione pescarese del quotidiano Il Messaggero. In passato ha già collaborato con Radio Speranza, la radio dell'arcidiocesi di Pescara - Penne, scritto sulla pagina pescarese del quotidiano "Avvenire" e sul quotidiano locale Abruzzo oggi.

Commenti

Ancora Nessun Commento Puoi essere il Primo a Commentare questo Articolo!

Scrivi il TUO Commento

I tuoi dati saranno al sicuro! L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terze persone. I campi obbligatori contrassegnati come *