Di Maio non si arrende: “Il capo politico si ridiscute tra 4 anni”
27 Febbraio 2019
Davide De Amicis (49 Articoli)
Condividi!

Di Maio non si arrende: “Il capo politico si ridiscute tra 4 anni”

La resistenza di Luigi Di Maio dopo la seconda sconfitta alle elezioni regionali sarde: “Il ruolo del capo politico – ha detto – si ridiscute tra 4 anni. Quelle due persone su 330 che hanno parlato contro di me, non hanno il problema di essere rieletti in Parlamento. Sono concentrato per creare i presupposti, perché l’Italia possa crescere in tutti i settori nei prossimi 4 anni. Non sto pensando al mio terzo mandato. Le elezioni amministrative non avranno alcun impatto sul governo e sulla vita interna del Movimento. Non mi arrendo all’idea che si paragoni il risultato delle politiche con quello delle amministrative, non ci arrenderemo mai come movimento su questo. Il centrosinistra, dal 2013, si illude di poter rubare voti al Movimento 5 stelle alle amministrative come al mercato delle vacche. Ma i voti sono dei cittadini”.

E poi il leader pentastellato ha replicato al ministro Tria sulla Tav: “Al ministro Tria – accusa Di Maio – vanno bene le opinioni personali, ma il faro è il contratto e si fa quello che c’è scritto. Le elezioni ci saranno nel 2023″.

Foto Luigi Di Maio: giole/123RF 

Davide De Amicis

Davide De Amicis

Nato a Pescara il 9 novembre 1985 e laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Teramo, è giornalista professionista. Oltre ad essere direttore responsabile di JLIVE RADIO, è redattore del notiziario online dell'arcidiocesi di Pescara-Penne La Porzione.it e collabora con la redazione pescarese del quotidiano Il Messaggero. In passato ha già collaborato con Radio Speranza, la radio dell'arcidiocesi di Pescara - Penne, scritto sulla pagina pescarese del quotidiano "Avvenire" e sul quotidiano locale Abruzzo oggi.